In questo video il dottor Stefano Comaggi, specialista in Chirurgia Vascolare, illustra l’insufficienza venosa in tutte le sue forme.

 

Quando si parla di questa patologia venosa si fa riferimento all’assenza di funzionalità valvolare che porta alla dilatazione della vena e ad un’insufficienza circolazione del sangue.

 

Solitamente l’insufficienza venosa colpisce obesi e le persone che svolgono attività in cui spesso, per esigenze lavorative, si è tenuti a stare in piedi per molte ore.

 

Anche i professionisti che svolgono un’attività in cui si è continuamente esposti ad alte temperature, come ad esempio i cuochi, possono incorrere in questo tipo di complicazioni.

 

Il rischio di patologia venosa coinvolge anche gli sportivi stessi, in particolare chi svolge discipline come ad esempio calcio, pallavolo, rugby e tutti gli altri sport caratterizzati da brusche accelerazioni che possono inficiare le funzionalità della valvola venosa.

 

Al Poliambulatorio Quisisana di Ferrara, per poter comprendere esattamente la situazione venosa del paziente, verrà eseguito un ecocolordoppler che permetterà di studiare il flusso ematico, quest’ultimo fornirà un’immagine a colori dei flussi venosi e arteriosi, permettendo al personale medico di capire dove ha origine il problema.

 

Una volta evidenziata la patologia, la terapia per l’insufficienza venosa prevederà l’utilizzo di una calza elastica ed un trattamento farmacologico adeguato, in caso di persistenza, una volta terminata la terapia, lo specialista in chirurgia vascolare valuterà un intervento.

 

Ad esempio un intervento come la varicectomia secondo Müller, eseguita con tecnica microchirurgica in cui vengono asportate varici o vene varicose in pazienti che non hanno incontinenze o reflussi patologici.