Molte malattie quali ad esempio l’arteriosclerosi, le demenze, la malattia di Alzheimer, il Parkinson portano ad una disabilità anche di tipo motorio, che si deve contrastare con l’attività fisica; quest’ultima è considerata uno dei modi più sicuri per migliorare lo stato di salute.

A causa del declino delle capacità fisiche, dovuto al naturale invecchiamento, le persone anziane possono trarre benefici dall’attività fisica e riabilitativa in misura maggiore rispetto ai più giovani.

Un nuovo punto di vista

Negli ultimi anni sono stati fatti passi da gigante in ambito geriatrico, non solo per le nuove tecnologie strumentali, ma anche per una nuova presa di coscienza culturale che non vede nell’anziano un problema senza soluzione, ma un soggetto che incoraggiato, seguito, aiutato può dare risposte eguali, se non migliori rispetto al soggetto giovane/adulto.

Ad esempio il personale di riabilitazione può contribuire a migliorare la deambulazione e l’equilibrio dei pazienti e a infondere loro nuova fiducia in sé stessi per esempio dopo una caduta.

In questi casi l’aspetto psicologico non va assolutamente sottovalutato.

Si possono, infatti, fornire suggerimenti su come evitare di cadere, lavorando assieme ai geriatri che, rimodulando i farmaci (principi attivi e dosaggi), intervengono con una corretta prevenzione.

Queste e altre informazioni importanti inerenti alla geriatria nel video in allegato.